tristezza riformista ma anche nostalgica

L’altro giorno sono entrato in una sezione del PD. Tutto strano, sospeso nel tempo. Una memoria certa attaccata alle pareti ed un futuro aperto su un qualcosa di vago e indefinito. Il nome di circolo  (termine che di questi tempi è ambiguo e bipartisan) che campeggiava sullo sfondo, una targa di merito per aver preso parte alle primarie e poi cosa??…. e poi c’erano le foto degli scioperi di operai con i loro striscioni in cui si leggeva FIOM, erano in bianco e nero ma il rosso travalicava tempo, storie, e modifiche riformiste… c’era Che Guevara, c’erano i partigiani, c’era Berlinguer, le foto di un gruppo di operai morti, c’erano vecchie videocassette simbolo di antichi cineforum con dibattitto annesso, c’era tutta l’opera di Marx, una mega foto dello sciopero della CGIL (quello dei tre milioni)…. c’era la sinistra…

Sono uscito dopo 15 minuti con un senso di tristezza che ancora non va via…

tristezza riformista ma anche nostalgicaultima modifica: 2009-01-28T22:48:55+00:00da notanio
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “tristezza riformista ma anche nostalgica

  1. Capisco cosa intendi e comprendo il tuo stato d’animo.
    Io spero che come ogni ciclo anche qui avvenga la rinascita dopo l’oblio della morte.. Nella politica sono necessarie oltre le spiccate doti di leadership, di forza e coraggio anche molta praticità, altrimenti arriva qualche nanetto che fa i c….i suoi e cosi si resta da soli con il moccolo e gli ideali. Attendiamo tempi migliori 😉

  2. La tragedia che ha colpito la terra d’Abruzzo rivela quanto sia precaria la nostra vita. L’uomo è rimarrà sempre un povero perché la sua vita è tanto fragile e precaria. Ho pensato di trasmettere sulla Traccia una meditazione inedita di Madre Teresa di Calcutta letta dalla Masina. Si intitola proprio i poveri. Uniti nella preghiera agli amici colpiti da questa immane tragedia vediamo in essi il volto di Gesù e cerchiamo, quando sarà il momento, di non far mancare loro il nostro sostegno morale. Vi aspetto domani sulla Traccia.

    Vostro don luciano

Lascia un commento