Menzogna della guerra

Sappiamo e siamo ben consapevoli che la guerra è una delle cose più inutili esistenti in questo mondo. La storia europea ed italiana dovrebbe averci ben forgiato sul sentimento di ripulsione verso qualsiasi conflitto armato. La nostra Costituzione (nonostante il nero nano e le sue fisime pidduiste sulla volontà di modificarla) mantiene l’articolo 11 che andrebbe scolpito sui muri di ogni paese: L’Italia RIPUDIA la guerra…… Negli ultimi anni il nostro Paese ha partecipato ad azioni di guerra le principali Iraq e Afghanistan. Ed è prorpio in quest’ultima (dove si trovano circa 3000 militari) che stanno accadendo dei fatti che i nostri informati-attenti-corretti-liberi telegiornali non diranno mai: IL 72% DELL’AFGHANISTAN E’ RITONATO SOTTO IL CONTROLLO DEI TALEBANI!!! Gli stessi contro cui venne dichiarata la guerra e per cacciare i quali sono state massacrate decine di migliaia di persone innocenti (i famosi effetti collaterali….). La notizia si trova sul sito:  http://it.peacereporter.net/articolo/13123/Talebani+padroni+del+72+percento+del+territorio

Tra le province cadute in mano alla guerriglia anche quella ‘italiana’ di Herart

I talebani, che solo un anno fa controllavano il 54 percento del territorio afgano, oggi ne controllano il 72 percento e circondano Kabul. Lo certifica il rapporto annuale del think-tank di politica internazionale Icos (ex Senlis Council), che fornisce analisi e statistiche a supporto delle operazioni Nato in Afghanistan.

“In Afghanistan ormai i talebani guidano il gioco, sia politicamente che militarmente”, ha dichiarato Paul Burton, direttore dell’Icos. “C’è il reale pericolo che i talebani riconquistino l’intero Paese”.
Il rapporto sottolinea anche come “tre delle quattro vie d’accesso alla capitale Kabul siano già in mano alla guerriglia”.
Solo nel 7 percento del territorio afgano i talebani hanno una “scarsa presenza” (non nulla), e si tratta sostanzialmente del Panjshir (a nord di Kabul), roccaforte dei mujaheddin tagichi, e delle province settentrionali attorno a Mazar-e-Sharif, controllate dalle milizie uzbeche del signore della guerra Rashif Dostum.
Tra le regioni che nell’ultimo anno sono di fatto finite in mano agli insorti c’è anche la provincia occidentale di Herat, dove si concentra il grosso del contingente militare italiano.
Oggi il capo del Comando Centrale Usa, il generale David Petraeus, è a Roma per convincere il governo Bersulconi a fornire un maggior contributo militare sul fronte di guerra afgano. Il Pentagono ha deciso di inviare altri 20 mila soldati in Afghanistan nei prossimi mesi
.

Menzogna della guerraultima modifica: 2008-12-11T14:38:06+00:00da notanio
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Menzogna della guerra

Lascia un commento